Bollettino fitosanitario vite del 15 maggio 2018

Fase fenologica: fiori separati tra di loro e inizio fioritura imminente con la prossima ripresa delle temperature.

Peronospora: le infezioni hanno portato alla comparsa delle prime macchie nei testimoni non trattati dei vigneti nelle aree di pianura e fondovalle.
Nei vigneti a conduzione biologica ripristinare la copertura al massimo entro i 7 giorni dal precedente intervento. In tutti gli altri casi, proseguire l’applicazione di prodotti rameici abbinati a Fosfonati (Aliette, Century, LBC) oppure nelle zone più sensibili posizionare sistemici (Metalaxil o Benalaxil)  + Rame, che si possono alternare a prodotti che si legano alle cere come i CAA (Dimetomorf, Iprovalicarb, Mandipropamide), Zoxamide, Zorvec, Cimoxanil. Per questi ultimi prodotti fare attenzione alle indicazioni di impiego indicati in etichetta e in questa fase fenologica dove le precipitazioni sono frequenti è opportuno intervenire nell’intervallo minimo indicato.

Oidio: non si sono ancora verificate le prime infezioni, ma ci stiamo avvicinando verso le fasi fenologiche più a rischio, anche se le ripetute piogge stanno ostacolando lo sviluppo di questa malattia. Abbinata alla difesa antiperonosporica di copertura aggiungere  zolfo liquido o in polvere a dosaggi medi, mentre per chi usa i prodotti antiperonosporici di sintesi è preferibile abbinare un prodotto antioidico che mantenga lo stesso intervallo di tempo (es. Karathane Star, IBE+Zolfo, Prosper…)

Botrite: fase fenologica non ancora interessata a questa infezione.

Tignoletta:  siamo in piena fase di ovi-deposizione.

Cocciniglie: le neanidi sono ancora sotto lo scudetto  e pertanto deve ancora iniziare la migrazione.

Altri insetti:  prosegue il volo  delle minatrici fogliari e si osservano le prime manifestazioni degli attacchi di fillossera su foglia. Nei casi in cui negli ultimi anni si sono manifestate presenze molto forti di questi insetti, si può intervenire ora con un prodotto a base di Acetamiprid; attenzione che per questo principio attivo si può fare un solo intervento l’anno.

Interventi colturali: si precisa che il termine ultimo per l’applicazione dei fosfiti e fosfonati è a fine fioritura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *