Bollettino fitosanitario vite del 05 Giugno 2018

Meteo: sta ritornando una fase ciclonica che dovrebbe portare tra giovedi e venerdi degli eventi piovosi a carattere temporalesco, per poi spostarsi verso Est.

Fase fenologica: ci troviamo nella fase di “grano di pepe” in quasi tutte le aree, ad eccezione dell’alta collina. I grappoli iniziano a piegarsi verso il basso (BBCH73).

Peronospora: si riscontrano alcune infezioni peronosporiche con diffusione limitata e poca intensità nelle zone più sensibili o dove non è stata eseguita una buona copertura.
Nei vigneti a conduzione biologica si continua a  mantenere la copertura con i prodotti rameici. Per le aziende non biologiche, in questa fase hanno buona efficacia i prodotti che si legano alle cere dell’acino e quelli con caratteristiche citotropiche: Ametoctradin, Amisulbron, Dimetomorf, Iprovalicarb, Mandipropamide, Cimoxanil, Zoxamide, in miscela tra loro o con rame. Fare sempre attenzione  al numero di applicazioni indicati in etichetta, per non superare il numero massimo di interventi previsti. Si ricorda di sospendere i trattamenti con i fosfiti e i fosfonati,

Oidio: si segnala qualche infezione nei testimoni non trattati di collina; la fase fenologica permane comunque critica. Abbinata alla difesa antiperonosporica di copertura aggiungere  zolfo liquido o in polvere bagnabile aumentando i dosaggi, mentre per chi usa i prodotti antiperonosporici di sintesi è preferibile abbinare un prodotto antioidico che mantenga lo stesso intervallo di tempo (es. Ciflufenamide, IBE + Zolfo, Fluxapyroxad, Metrafenone, Quinoxifen, Spiroxamina. Anche in questo caso prestare attenzione al numero massimo di trattamenti previsti in etichetta.

Botrite: è ancora presto per eseguire l’intervento anti-botritico; verranno date maggiori indicazioni prossimamente..

Tignoletta:  si trovano ancora le larve di prima generazione e le crisalidi. Inizierà a breve il volo di seconda generazione. La prima generazione non va trattata.

Cocciniglie:  sta iniziando la migrazione delle neanidi di partenolecanium. Dove la fioritura è completata si può già prevedere un intervento con prodotti a base di Acetamiprid o Thiametoxam.

Interventi colturali: dove la fioritura è completata ed è iniziato l’ingrossamento degli acini si può già iniziare la cimatura. Nel caso in cui venga effettuato un intervento contro la cocciniglia è opportuno sfalciare l’erba degli interfilari per preservare gli insetti utili, che si sposteranno dal vigneto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *